Guardare il mondo con gli occhi di un bambino? Sul web si può

guardare il mondo con gli occhi di un bambino sul web si puo
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere
Vi siete mai chiesti come il mondo appaia agli occhi del vostro bambino? La risposta è sul web, grazie a uno strumento interattivo ideato da Vision Direct, fornitore di lenti a contatto online leader in Europa. 

In sintesi, si tratta di un ‘tool’, realizzato con un’interfaccia intuitiva, che mostra ai genitori le peculiarità della vista del proprio bambino, da quando i suoi occhi s'imbattono per la prima volta nella luce fino al compimento del suo primo anno.

Che cosa permette di fare lo strumento

Lo strumento è stato sviluppato da ottici ed è dotato di una ‘scala di graduazione’ attraverso cui si può comprendere la percezione della profondità della vista del bambino e i colori che realmente osserva (ad esempio: un neonato vedrà solo in bianco e nero, mentre dopo già due mesi sarà 'ammaliato' dalle prime tonalità brillanti).

Brendan O’ Brien, capo ottico di Vision, a proposito di questo strumento, ha detto: “Speriamo che ciò aiuterà i genitori a capire come la visione del loro bambino cambi durante il periodo più critico dello sviluppo. Il tool, inoltre, dispone di suggerimenti utili per aiutare il bambino a mettere a fuoco e a percepire i colori”.

Sulla pagina Facebook dell’azienda londinese, tra l’altro, è possibile guardare un video di trenta secondi (visualizzato, fino ad ora, oltre 200mila volte), che sintetizza le varie fasi dello sviluppo della vista:
Leggi anche:
Visita oculistica e occhiali: proteggere la vista e la salute degli occhi
La visita oculistica e gli occhiali sono necessari per proteggere la salute degli occhi e prevenire o curare eventuali malattie oculari.

Le fasi dello sviluppo della vista di un bambino 

Ecco, infine, se siete curiosi già da adesso, le tappe dello sviluppo visivo di un bambino:
  • NEONATO: Il bambino riesce a percepire le forme, la luce e il movimento ma solo in grigio. Può vedere il volto della persona che si trova a lui vicino ma non riesce a concentrarsi su un oggetto (è normale, infatti, che i suoi occhi ‘vaghino’ qua e là). Sono sfocati, invece, gli oggetti che si trovano a 20-30 centimetri di distanza dal suo sguardo. 
  • 1-2 MESI: A volte il bambino può concentrare entrambi gli occhi sugli oggetti a lui molto vicini e li segue mentre si spostano da destra a sinistra. I suoi occhi, però, non riescono a lavorare ancora 'come una squadra'. Il bambino può identificare il rosso, l’arancione, il giallo e il verde (e, quindi, sarà molto attirato da essi).
  • 3-4 MESI: La vista del bambino si fa sempre più nitida e può usare entrambi gli occhi per monitorare e mettere a fuoco più oggetti. Sposta l’attenzione da un oggetto all’altro, senza dover muovere la testa. Identifica, inoltre, nuovi colori e i disegni dettagliati presenti su giocattoli, libri, ecc.
  • 5-6 MESI: Il bambino migliora la percezione della profondità della propria vista, distinguendo nettamente ciò che è vicino da ciò che è lontano. Muove rapidamente gli occhi per seguire il movimento del oggetti, così da raccoglierli e… metterli in bocca. 
  • 7-8 MESI: Il bambino ha una vista abbastanza chiara e riconosce persone e cose, anche se si trovano dall’altra parte della stanza in cui si trova. 
  • 9-10 MESI: Gli occhi del bambino hanno il colore che gli rimarrà per sempre. La sua vista, adesso, è molto più vicina a quella di un adulto ed è in grado di mettere a fuoco gli oggetti. 
  • 11-12 MESI: Il bambino può individuare gli oggetti dalle dimensioni di una briciola, comprende la differenza tra gli oggetti vicini e lontani, riconosce le persone più care anche se si trovano lontane da lui.
Per approfondire guarda anche "Sviluppo del linguaggio nei gemelli"
22/02/2016
22/02/2016
TAG: Occhi e vista | Bambini | Neonati | Mamma | Genitori | Oftalmologia | Occhi | Vista
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere