Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

L'angioma nei bambini: cosa fare?

l angioma nei bambini cosa fare
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere

Un angioma è una lieve e benigna condizione della pelle che si presenta come una piccola macchia rossa sulla superficie della cute (per via del raggruppamento di piccoli vasi sanguigni) e che può apparire spesso nei bambini. L’angioma ha, di solito, la forma dei fili di una ragnatela (ecco perché si parla anche di angioma stellare o 'a ragno') e, premendo sulla sua parte centrale, può determinare che l’intera lesione scompaia provvisoriamente. Infatti, la parte centrale dell’angioma (che assomiglia al corpo di un ragno) e le sue estensioni (le ‘zampe’) rapidamente riempiono l’area con il sangue, una volta che termina la pressione. Di solito, quando il bambino cresce, l’angioma tende a sparire completamente.

Chi è a rischio

L’angioma, come scritto, si verifica nei bambini e sono più evidenti nei soggetti che hanno una pelle più chiara. Ma questa condizione cutanea può colpire anche gli adulti (soprattutto chi soffre di malattie del fegato, le donne incinte o che assumono pillole anticoncezionali ormonali). Si stima, a tal proposito, che un bambino su due possa sviluppare un angioma a un certo punto della sua infanzia.

Per approfondire guarda anche: “Porri e verruche”

Segni e sintomi

Le posizioni più comuni dove può attecchire l’angioma sono il viso (soprattutto gli occhi e gli zigomi), il collo, la parte superiore del tronco, le mani, le dita, gli avambracci, le orecchie. Ogni angioma appare come una piccola macchia di colore rosso vivo, di dimensioni da 1 a 10 millimetri. Esaminando, poi, più attentamente l’angioma, si scorge un puntino rosso centrale, con piccole linee rosse che si irradiano dal centro. Raramente l’angioma può sanguinare in caso di ferita. Per quanto riguarda l'eziologia, c’è da sottolineare che la causa esatta che porta allo sviluppo di un angioma non è nota ma ci sono alcuni fattori che possono condurre alla sua comparsa e che riguardano soprattutto gli adulti:

  • Malattie del fegato (come la cirrosi epatica);
  • Gravidanza;
  • Uso di pillole anticoncezionali ormonali;
  • Prolungata esposizione alla luce solare;
  • Utilizzo di farmaci steroidi per un lungo periodo di tempo;
  • Infezione da epatite;
  • Trasmissione dai genitori;
  • Reazioni allergiche;
  • Lesioni o traumi su guancia e naso;
  • Disfunzioni alla tiroide;
  • Dilatazione dei vasi sanguigni.

Nei bambini l’angioma può comparire dall’età di due anni fino alla pubertà e sembra che colpisca più le femmine che i maschi.

Come curare l'angioma

Sebbene la cura non sia strettamente necessaria, in alcuni casi si preferisce eliminare l’angioma per ragioni puramente estetiche. Nei bambini, però, come scritto, l’angioma va via di solito senza alcun trattamento, anche se possono volerci anni prima che scompaia del tutto. È consigliato, comunque, contattare un medico se l’angioma dovesse sanguinare frequentemente o se si dovessero notare cambiamenti di dimensioni e di colore. In casi come questi, il medico può ritenere adeguato l’uso di un laser per eliminare l’angioma.

Leggi anche:
I consigli per proteggere la pelle dei bambini da dermatiti e irritazioni e garantire igiene e delicatezza.
23/05/2018
12/08/2016
TAG: Bambini | Dermatologia e venereologia | Pelle
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere