Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

08-05-2006

A mio marito e' stato diagnosticato nel sett. 2004

A mio marito e' stato diagnosticato nel Sett. 2004 un microcitoma al bronco principale di destra, non ostruente, con coinvolgimento dei Linfonodi mediastinici. E' stato trattato con chemioteraipa (etoposide e cisplatino) combinata a radioterapia con remissione clinica della malattia. Ha eseguto successiva Linfoadenectomia (Citologico negativo) ed encefaloterapia profilattica. Recidiva polmonare e pancreatica nel Sett 2005. E' stato nuovamente trattato con chemioterapia (CAVE). Stazionarieta' della malattia al terzo ciclo (TAC). L'oncologo ha deciso di proseguire con lo stesso schema terapeutico per altri tre cicli. E' corretto? Cosa fare ora se non si e' ottenuto risultato significativo? Il paziente fisicamente e' in discrete condizioni generali, a parte gli effetti collaterali temporanei della chemio. Grazie da un cardiologo disperato.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Se al restaging di malattia non si riscontra una risposta clinica soddisfacente, va valutata la possibilità di ricorrere a schemi di seconda linea considerando la giovane età e le buone condizioni generali riferite.
TAG: Oncologia | Tumori
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!