16-01-2006

A mio padre di 84 anni è stata diagnosticata da

A mio padre di 84 anni è stata diagnosticata da diversi anni una Stenosi valvolare aortica calcifica severa. La situazione emersa dalle varie ecocardiografie è da diversi anni stabile. E’ asintomatico per dispnea o altro a parte due episodi di vertigini a novembre 2004 e agosto 2005. Ma la cardiologa ritiene che lo sia perché lui ha molto ridotto l’attività fisica. L’area valvolare è di 0,5 cmq. Insufficienza valvolare di media entità. Dilatazione atriale bilaterale. Insufficienza valvolare mitralica di media entità. Insufficienza valvolare tricuspidale di media entità. Ipertensione polmonare 55mmhg. Soffio 3/6 al centrum irradiato verso vasi del collo. Soffio in sede carotidea. Ecodoppler dei vasi epiaortici negativo per stenosi di rilievo. Aritmia da FA frequenza media 90/min, blocco bifascicolare (BBDx + EAS), pressione 150/70. La coronarografia ha evidenziato coronarie normali, confermato la valvola ortica calcifica ipomobile e insufficienza aortica 1-2+/4+. Fibrillazione atriale cronica. Sia la cardiologa che il cardiochirurgo viste le condizioni generali piuttosto buone (nessun problema renale o polmonare ma positivo HCV) e lo stato attivo di mio padre suggeriscono l’intervento di sostituzione con valvola biologica. Un intervento che è ancora elettivo ma che potrebbe diventare urgente perché, a loro avviso, si vedono i segni di un possibile, rapido aggravamento dello stato del cuore. Ed è infatti in lista di attesa. Ma sia il medico di famiglia che un anestesista mi hanno sconsigliato di intervenire perché i rischi sarebbero troppo alti rispetto al vantaggio. Qual è il suo parere?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Credo che a 84 anni l’obiettivo sia una buona qualità della vita cosa che mi sembra suo padre abbia. La decisione di operare un paziente asintomatico o paucisintomatico è sempre difficile. Situazioni del genere vanno discusse con il paziente prospettando a lui in modo il più possibile sereno vantaggi e rischi dell’intervento. Il vantaggio è senz’altro quello di intervenire in una situazione “elettiva” che comporta rischi contenuti ma non trascurabili, stimabili, nel caso di suo padre tra il 4 ed il 7% in base all’Euroscore logistico. D’altro lato, la mortalità cardiaca annua dei pazienti realmente asintomatici è assai bassa. Com’è la funzione ventricolare sinistra e c’è stato un peggioramento negli ultimi esami? Questo dato potrebbe spingere verso l’indicazione all’intervento così come gli episodi di vertigine, qualora attribuiti alla stenosi aortica.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!