12-09-2017

Adenocarcinoma di tipo intestinale G2 Pt3

Buonasera, scrivo per avere informazioni su un mio caro che in aprile è stato sottoposto a gastrectomia totale, l'istologico ricevuto a fine giugno riporta la seguente diagnosi: sec lauren adenocarcinoma di tipo intestinale sec who adenocarcinoma tubulare grado istologico moderatamente differenziato G2 profondità invasione la neoplasia invade la sottosirosa invasione linfatica, presente invasione vascolare, presente invasione perineurale, presente margini chirurgici infiltrato della neoplasia il margine distale negativo il margine prossimale stato dei linfonodi metastasi a 46 linfonodi perigastrici repetiti tutti con infiltrazione metastatica stomaco non neoplastico flogosi produttiva interstiziale pT3 pN 3b pM G2.

A seguito di questo risultatp non è stato sottoposto a nessuna terapia, nel mese di luglio ha effettuato tc di seguito i risultati: presenza materiale ipodenso adeso alla parete laterale destra della trache verosimilmente muco linfonodo centimetrico in sede iliare sinistra a destra: nodulo di 5 mm mantellare nel segmento posteriore del lobo superiore altri millimentrico viciniore micronodulo nel segmento laterale del lobo medio micronodulo nel segmento apicale del lobo inferiore nel segmento poterobasale anterobasale a sinistra: micronodulo mantellare nel segmeno apicodorsale del lobo sueriore micronodulo subpleurico del segmento laterodorsale nell'anterobasale presenza di versamento in scavo pelvico linfonodi in precavale intercavaaortica e paraortica sinistra lungo la splenica in sede iliaca esterna bilateralmente, multipli linfonodi in sede mesenterica permangono le areole addensanti a livello del soma di L5 a livello dell'ala sacrale sinistra in numero di due all'ala iliaca destra permane l'area di rimaneggiamento osto strutturale dell'ala iliaca sinistra posteriore e dell'ala sacrale omolaterale sul versante anteriore.

Oltre a questo è stato sottoposto a pet nel mese di agosto il quadro pet evidenzia unica sede sospetta di tessuto eteroplastico ad elevato metabolismo glucidico a livello del versante sn dello sterno. Di possibile significato flogisitico le alterazioni linfonoidali mediastiniche descritte. A seguito di questi risultati è stata impostata chemioterapia che inizierà la prossima settimana con TRASTUZUMAB OXALIPLATINO E FLUROURACILE (EFUDIX, FLUOROURACILE DBL, FLUORO URACILE ICN
Il medico dove è in cura non ci ha dato molte speranze, vorrei capire quali sono le aspettative, se possiamo fare solo la chemio o ci sono terapie da poter associare.

Risposta di:
Prof. giorgio enrico gerunda
Specialista in Chirurgia dei trapianti e Chirurgia dell'apparato digerente
Risposta

Gentile signora purtroppo la situazione oncologica è molto grave. Non ci sono altre terapie che possano modificare una situazione clinica così compromessa dalla diffusione neoplastica. La chemioterapia se funziona può ridurre la velocità di progressione. Mi dispiace. Cari saluti Gerunda

TAG: Oncologia | Tumori