Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

19-10-2006

Al mio piccolo giuseppe era stato auscultato un

Al mio piccolo Giuseppe era stato auscultato un lieve soffio cardiaco, che, in seguito ad approfonditi accertamenti, in particolare ecocardiografia (eco-colordoppler cardiaco) è risultato essere un "prolasso sistolico del lembo posteriore mitralico, condizionante reflusso mitralico di grado lieve emodinamicamente non significativo. - Nei limiti per il resto." Che fare? Sono disperata! Mio figlio è iperattivo e vivace. Devo privarlo della ginnastica? Dobbiamo compiere ulteriori accertamenti? Soprattutto, a quali rischi va incontro? Grazie per la risposta, Maria una mamma disperata.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Non è assolutamente il caso di essere disperata, ed in generale neanche preoccupata. Il prolasso mitralico non costituisce di per se un rischio clinico; è semmai una lieve anomalia morfologica (quindi della forma, ma non della funzione) di una valvola, che deve essere seguita nel tempo, facendo periodicamente (ma non spesso, è sufficiente ogni 3 anni circa) un ecocardiogramma, per accertarsi che non evolva verso la vera e propria malattia cardiaca, che sarebbe l’insufficienza mitralica, cioè una anomalia di funzione della valvola. Anche se si dovesse confermare un significativo prolasso (ma ciò non è detto, potrebbe anche non essere evidente ad un successivo esame) solitamente non è richiesta nessuna terapia, tranne che per due circostanze: 1) se dovesse associarsi la tendenza a tachicardia o aritmie (percepite come palpitazioni), potrebbe essere utile usare farmaci betabloccantui; ciò tuttavia non è frequente; 2) nel caso di procedure odontoiatriche o di interventi chirurgici, per prevenire il rischio che si abbia una infezione della valvola, si devono usare preliminarmente degli antibiotici (“profilassi dell’endocardite batterica”); si tratta comunque di una pratica molto semplice. In conclusione, come vede, non è affatto una situazione drammatica, ma che richiede soltanto un po’ di attenzione e alcune precauzioni. Quanto all’attività fisica, non vi è alcun motivo di limitarla.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!