25-03-2017

Ansia e stress per sospetta sclerosi multipla

Salve, mi presento, sono un ragazzo di appena 21 anni e da 2 anni a questa parte sto vivendo un periodo veramente brutto. Circa 2 anni fa ho visto nella doccia dei vermetti neri(tipici della doccia) e da li è cominciata l'ossessione di avere i vermi intestinali (che poi non avevo visto le varie visite). Questa strana fissa non mi faceva dormire, ero ansioso da morire tanto che al minimo bruciore mi deprimevo e pensavo al peggio.
Tutto questo finí quando ragionai e ne venni fuori con le mie forze. Dopodiché mi presero fisse per altre cose (poi risolte sempre da me) fino ad arrivare alla settimana scorsa. Appena lavato non so per quale ragione ho guardato verso la mia mano con le dita aperte (quindi in tensione) e ho notato che avvicinando il dito indice al dito medio l'indice vibrava; da lí partirono i miei pensieri negativi e mi portarono a pensare al parkinson. Nel giro di due giorni mi informai su internet e sono comparsi sintomi della SM in maniera da farmi pensare al peggio (ho cominciato ad avete un indolenzimento delle gambe, dell'avambraccio destro e poi successivamente sinistro). Inoltre alcuni tremori sono comparsi nelle mani ma la mia famiglia dice che sono normali.

Sono andato dal medico curante e mi ha dato un'occhiata solo alle mani (me le ha fatte portare in avanti con le dita in tensione) e mi tranquillizzó dicendomi che non ho nessuna malattia neurologica e mi ha dato delle goccette di lexotan da prendere prima di dormire e mi ha detto, nel caso non mi fosse passato, di visitare un neurologo per sentire un altro parere per tranquillizzarmi.

Da li tutto ok, i sintomi si sono alleviati, altri scomparsi. Domenica ci ripensai e sono ricaduto nel circolo vizioso di internet e dopo una sessione di due ore davanti al computer l'occhio ha cominciato a bruciare ed è diventato rosso. Il giorno dopo (oggi) l'occhio è dolorante ad intermittenza come se qualcosa all'interno lo spiengesse e ho notato anche che nello stesso occhio vedo leggermente le famose "mosche volanti", appena visibili ma siccome ci faccio tanto caso mi infastidiscono. Il medico mi ha prescritto di andare dall'oculista per una visita tranquillizzandomi nuovamente sulla correlazione di questo sintomo alla SM e dicendomi di avere solo l'occhio secco. Ora io non so che fare, i parenti mi prendono per pazzo e mi sconsigliano di andare dal neurologo poiché sanno della mia ipocondria. Secondo voi è possibile la comparsa di tutti questi sintomi per l'ansia scatenata da quell'evento del dito che tremava avvicinandolo al medio?

Risposta

I sintomi che descrive sono tipici dei disturbi somatoformi, caratterizzati dalla presenza di disturbi in apparenza fisici, ma in realtà espressioni di ansia. Sono caratterizzati da forte preoccupazione per il proprio stato di salute, e dalla esasperata ricerca di rassicurazioni attraverso esami medici, la cui negatività, nella migliore delle ipotesi, attenua solo temporaneamente l'ansia. Nel caso suo non credo che l'ansia sia stata scatenata dal tremore del dito, ma che lo stesso tremore fosse già espressione dell'ansia. Lo dimostra anche la presenza di disturbi già due anni prima. Le consiglio di rivolgersi a uno specialista, vista l'alta probabilità di risolvere o attenuare il problema.

TAG: Malattie neurologiche | Malattie psichiatriche | Neurologia | Psichiatria | Salute mentale
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!