23-10-2012

Aumentato contenuto aereo del torace non è vantaggioso se dovuto a pat

Se è vero che nelle patologie ostruttive come l'asma si ha un aumento della resistenza delle vie aeree, mentre nelle restrittive come la fibrosi si ha un aumento della resistenza elastica, come è possibile che queste ultime comportino una diminuzione della capacità totale dell'apparato respiratorio, mentre le ostruttive la aumentino? Sono asmatico e non mi sembra di avere questo grande aumento di capacità polmonare, anzi! Quindi Non capisco in che modo possano farlo, visto che provocano un'ostruzione!
Risposta

Purtroppo è vero che nelle patologie ostruttive delle vie aeree, come l'asma , aumenta il contenuto aereo del torace. Questo è dovuto al fatto che l'aria in entrata supera la resistenza dei bronchi, mentre -detto in parole molto semplici- non riesce a farlo in uscita. Si ha così un intrappolamento aereo inefficace e anzi controproducente, perchè finisce per limitare le escursioni polmonari e gli scambi gassosi ai quali partecipa solo in parte. E' quanto accade anche nell'enfisema. I farmaci broncodilatatori hanno la funziuone di consentire il passaggio di aria non tanto in entrata, quanto in uscita dalle vie aeree. Spero di essere stata esauriente. Cordiali saluti

TAG: Malattie dell'apparato respiratorio | Polmoni e bronchi