02-09-2017

Bilirubina indiretta e totale alta: perché?

Salve, scrivo perché ho effettuato delle analisi del sangue circa 2 mesi fa da cui risultava che avevo gamma GT alte mentre la bilirubina era normale. Ho appena effettuato nuove analisi di controllo e dalle nuove le gamma GT sono rientrate mentre adesso ho la bilirubina totale e indiretta alte: Bilirubina totale: 1.67 Bilirubina indiretta: 1.35
Ora vi domando, come mai ? Mi è stato accennato che potrebbe essere la sindrome di Gilbert, ma se così fosse anche dalle analisi fatte anni fa o in precedenza non avrei dovuto avere sempre bilirubina alta? Grazie in anticipo

Risposta di:
Dr. Ludovico Tallarico
Specialista in Gastroenterologia e Malattie dell'apparato respiratorio
Risposta

Gentile Utente, La Sindrome di Gilbert è causata da un difetto enzimatico di tipo ereditario per cui la bilirubina non viene coniugata e non diventando idrosolubile, non viene adeguatamente escreta e si riversa nel sangue in forma indiretta (non coniugata). Tale quota aumenta in rapporto a stress, digiuno, febbre, sforzi fisici, ecc.. Pertanto l'aumento della quota indiretta della bilirubina non è continuo e persistente nel tempo.

È indispensabile, comunque, escludere altra origine di tale aumento, che può essere: una patologia epatica, (verificare che vi sia una buona funzionalità epatica: due mesi fa le transaminasi e la fosfatasi alcalina come erano?), una patologia ematologica (verificare che l'emocromo sia perfettamente normale), che non sia secondaria all'ingestione di alcuni farmaci o sostanze alimentari. Verificare che nei familiari diretti vi sia la stessa anomalia. Il test più semplice per fare diagnosi, senza arrivare ai test genetici, è praticare un dosaggio della bilirubina totale e frazionata un giorno e ripeterlo dopo 24 ore di digiuno quasi assoluto. Nel Gilbert assistiamo ad un aumento cospicuo della quota di bilirubina indiretta. Cordialità

TAG: Biochimica clinica | Epatologia | Esami | Fegato | Gastroenterologia | Patologia clinica