Buongiorno, ho gia scritto una volta in merito ad una forte tachicardia che mi ha sconvolto la vita circa 3 anni fa, quel giorno la frequenza presa dall'infermiere del 118 fu intorno ai 210 e gia ero più tranquillo !!!Poi arrivato in ospedale circa venti minuti dopo mentre veniva eseguito l'ecg finì tutto ed il cardiologo mi diagnosticò una tachicardia paros. sopraventricolare. Questa tachicardia mi è venuta in seguito ad un tuffo in acqua durante il quale ho sentito un sintomo come un extrasistole e poi via con il cuore a mille con tanto di panico e dispnea. Da quel giorno io ho provato gli extrasistoli in tutte le sue forme, gli attacchi di panico improvvisi e ritmo sempre abbastanza alto. Quello che non mi spiego però e che dopo 4 ecg (uno fatto pochi giorni fa) un holter 24 ed un ecocuore, esami del sangue e tiroide non è venuto fuori niente neanche un battito fuori posto o difetto di alcun genere questa cosa da una parte mi "rincuora" dall'altra però mi lascia nel dubbio e questa è la cosa peggiore per un ipocondriaco e ansioso come me. Questi extrasistoli, (sempre che lo siano a questo punto) a volte sono venuti anche di seguito durando qualche secondo e a volte sotto forma di pausa con conseguente scarica di battiti accelerati. La mia paura non è tanto il sintomo dato che dura pochissimo e mi capita molto di rado, ma il timore che mi causi un arresto o qualcosa di grave in generale. Come ho gia detto ho scritto gia ma l'altra volta non scrissi che circa un anno prima della tachicardia,ho assistito alla morte di mio nonno per edema polmonare dall'inizio alla fine e non è stata una bella esperienza e pochi mesi prima ancora abbiamo trovato un mio zio di 84 anni morto per arresto sul suo letto. Tutto questo condito con litigi fra familiari anche violenti possono aver scatenato i miei malesseri o potrebbe esserci una patologia cardiaca? Mi scusi per la lunghezza ma non ne posso più prima facevo 3 sport ora nemmeno le bocce. Ho giocato a calcio fino alla sera prima della tachicardia correndo per due ore d fila come sempre e ora se ci provo e ci penso sento questi sintomi. Inoltre prima giravo senza problemi e ora per la paura che mi colga un malore cerco di evitare viaggi lunghi, ma è possbile vivere così a 25 anni. La ringrazio anticipatamente e mi scusi ancora per il poema che ho scritto.