Buongiorno, vi scrivo di nuovo xchè la prima volta presa da ansia non vì ho specificato il mio tipo di dolore(ho 37 anni, altezza 1,60, peso 50 kg,sesso F).Nel mese di Luglio una notte mi sono svegliata con un forte dolore al petto che partiva dalla bocca dello stomaco a tutto lo sterno, nei giorni successivi è peggiorato con una corrispondenza... Leggi di più nella schiena, sono stata ricoverata dal pronto soccorso ed in presenza del dolore mi è stato fatto eletrocardiogramma ecografia al cuore e i vari esami del sangue x vedere enzimi riferiti all'attività cardiaca+ lastra toracica, il giorno dopo tutti i esami di routin del sangue + visita risultanto mi è stata diagnosticato un'osteocondrite xchè il mio dolore aumentava alla digitopressione . Nei giorni precedenti a questi esami avevo già eseguito una gastroscopia del tutto negativa e alcuni mesi prima avevo fatto esami degli ormoni in quanto sono in cerca di una gravidanza ed il risultato è tutto ok.Ho Fatto una settimana di antinfiammatori ed il dolore si è alleviato ma non passato del tutto, mi sono affidata ad un 'ortopedico che mi ha fatto fare una risonanza magnetica allo sterno pensando ad uno osteoma, tutto ok non ho niente, sono stata all'ora andata da un fisioterapista che mi ha parlato di apofisite e contrattura, devo dire che sono stata meglio. Ma non mi passa del tutto, quandi mi prede questo che ora è più lieve dura anche delle ore e varia a volte come un bruciore che si spande anche al seno e nella schiena, altre è fisso alla bocca dello stomaco, oppure è maggiore nella schiena che nel petto, mi prende anche se sono a riposo specialmente quando sono a sedere al computer. Mi chiedevo ma è il caso che faccia un eletriocardiogramma da sforzo x escludere del tutto l'idea di un'angina pectoris? Scusatemi ma questa mia odissea sembra non avere fine.