Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

06-06-2016

Calcoli sottomandibolari: non è necessaria scialectomia sottomandibolare

Salve, ieri mi sono sottoposto ad un'ecografia alle ghiandole salivari e ad una visita dall'otorino; mi sono stati trovati due calcoli nella sottomandibolare dx, di cui uno molto grande (12mm) e un'altro grande la metà (6mm). L'otorino ha detto che per il momento non è necessaria una scialectomia, ma di metterla in conto per il futuro, dato che la ghiandola è sofferente e predisposta a infiammarsi; tra l'altro mi ero recato dal medico proprio per un indolenzimento iniziato un paio di mesi fa e che persiste tutt'ora alla palpazione (e a volte anche senza toccare). Sono un po' turbato e ho pensato che scrivere anche qui potesse darmi qualche risposta in più.

I miei dubbi sono circa la scialectomia: 1) Quali sono le reali possibilità statistiche di riscontrare danni permanenti a livello estetico (disarmonia della bocca e del viso)? 2) Questo intervento è un'appuntamento davvero inevitabile, o posso sperare, sopportando un po' di dolore, di andare avanti così per tutta la vita? (per ora non ho rigonfiamenti o dolori acuti). 3) Affidarmi ad un bravo/rinomato chirurgo può in qualche modo rendermi più sereno sullo scongiurare di danni irreversibili di cui sopra? (NB. sono consapevole che un rischio è sempre presente) 4) Questo calcolo grande di 12mm è destinato a crescere, o ci sono possibilità che si sgretoli? Aggiungo che è lì da almeno un anno, quando fu trovato per puro caso dal mio dentista a seguito di una rx della bocca. 5) Quando sorrido il mio occhio destro è visibilmente più chiuso del sinistro, ed anche quando cerco di allargare gli angoli della bocca verso il basso, inizio ad avere spasmi (è una posizione che invece altre persone riescono a mantenere tranquillamente), c'entra qualcosa coi nervi del viso che andranno stimolati durante l'operazione? Dovrei segnalarlo al mio medico come fatto di interesse circa questo discorso dei calcoli e della scialectomia? Grazie in anticipo per la pazienza e la disponibilità.
Risposta di:
Dr. Luca C. Rovati
Specialista in Chirurgia della mano e Chirurgia maxillo-facciale
Risposta
Gentile Paziente sono d'accordo con il suo Otorino.
Grazia per la fiducia e stima
Luca C. Rovati
TAG: Chirurgia maxillo-facciale | Ghiandole e ormoni | Otorinolaringoiatria
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!