Gentili dottori,Mia madre, 75 anni, è stata ricoverata in ospedale per una broncopolmonite (soffre di Bpco, ha bisogno della dialisi 3 volte la settimana da un anno, ha 5 by pass al cuore).Dopo 3 settimane, quasi guarita, ha preso un infezione da aspergillus ai polmoni in ospedale. Dopo altre 3 settimane, prende un batterio ai polmoni (non ricordo il nome), poi 10 giorni fa, i medici mi dicono (dopo la seconda broncoscopia in un mese) che ha la candida polmonare e che deve rimanere in ospedale per altre 3 settimane, perché il tipo di antimicotico che le somministrano endovena, si può usare solo in ospedale.La mia domanda è: possibile che non ci sia un antimicotico che può prendere in casa di cura? Se continua stare in ospedale, ho paura che prenda altre infezioni. Essendo tanto debole, dopo quasi 3 mesi a letto, continue dosi di antibiotici e tanti farmaci, come si può uscire da questo problema. Può esserci un ricostituente o trattamento valido per aiutarla??? Grazie di ogni suggerimento- cordiali saluti