Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
L’ESPERTO RISPONDE

Caro professore, ho 62 anni e da circa un paio

Caro professore, ho 62 anni e da circa un paio d'anni sono sotto il controllo di u n urologo in quanro dopo un accertamento di routine sul PSA ha notato dei valori un po alterati che hanno raggiunto il massimo con il valore di 5,910. Mi ha prescritto una ecografia prostatica rettale ed una uroflussometria .I risultati dell'ecografia : prostata notevolmemnte aumenatta di volume( circa 110 cc) avente diametro trasversale circa 57 mm, diamentro A - P max 59 mm diametro longitudinale max 62 mm. Non definibili lesioni a carico regione posteriore. Uroflusometria: flusso max 10,2 -volume espulso 215 ml tempo 45s flusso medio 4,9 ml/s . L'urologo all'inizio mi aveva prscritto solo una pastiglia di Xatral e da circa 3 mesi anche una di Avodart. Ho notato che da quando prendo quest'ultima pastiglia i fastidi che avevo durante la notta non li ho piu'. Non mi alzo pèer urinare e anche se mi sveglio non sentp piu' l'esigenza si andare al bagno . Infatti nell'ultimo esame del PSA i valori sono stati di 2,710. Ora l'urologo mi ha consigliato di fare la bopsia. E' PROPRIO NECESSARIA E IN CHE MODO VIENE FATTA? Grazie marti gabriele
Risposta del medico
Specialista in Urologia e Andrologia

Gentile Signore,

ho preso visione della Sua e-mail e da quello che mi scrive in base al controllo del PSA totale Le hanno suggerito di eseguire la biopsia prostatica e reputo che sia giusto visto che che il PSA totale presenta dei valori superiori a 5 ng/ml.

Distinti saluti.

Dott.Famiano Meneschincheri

www.prostatite2002.it 

Risposto il: 15 Maggio 2012
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali