21-01-2003

Celule staminali

Egr. Dottore, mia madre soffre di Hcc in Cirrosi a
seguito di Epatite C cronica; nel dicembre 2000 ha subito una termoablazione in laparosopia, adesso dovrebbe trattare un altro piccolo nodulo con termoablazione percutanea. Ha anche crisi di prurito legate alla sua patologia; c$è qualche farmaco che può alleviarlo? In casi come quello di mia madre dove data l$età non è possibile il Trapianto di fegato non si potrebbero utilizzare le CELLULE STAMINALI opportunamente rese inattaccabili all$epatite C in modo di ricostruire parte di fegato sano? Che lei sappia si stanno facendo studi in questa direzione? Ho letto dai giornali che è stata eseguita un$operazione del genere su un paziente al quale doveva essere trapiantato il fegato per Patologia non legata a epatite ma a una malattia genetica,
con CELLULE STAMINALI opportunamente modificate con risultati positivi. PS. valuti lei se pubblicare la mia lettera per non generare false speranze nei malati. La ringrazio per l$attenzione e porgo cordiali saluti.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Per il prurito esistono pochi farmaci, tra cui la colestiramina è la più utilizzata ed in genere funziona. Per quel che riguarda l'uso di cellule
staminali siamo molto lontani da una possibilità di impiego in patologia umana. Putroppo mi rendo conto che certa cattiva informazione ha creato
aspettative che al momento sono solo teoriche. Certamente la sua lettera verrà pubblicata e ammiriamo molto la sua sensibilità verso gli altri, sia pur in un momento non felice per lei.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!