chi ha malattie cardiovascolari può avere attività sessuale