Leggi anche:
L'ipertensione arteriosa è un disturbo della pressione del sangue: una condizione molto diffusa che può essere controllata con stili di vita equilibrati.
22-02-2006

Malattie cardiovascolari

Buonasera, vorrei gentilmente sapere la sua versione riguardo la correlazione esistente tra ansia-ipocondria con le malattie cardiache. Chi soffre d'Ansia soprattutto perchè paura di essere cardiopatico, è soggetto con il passare degli anni (tanti o pochi?) a malattie cardiovascolari? Ho letto di articoli che citano la personalità di tipo A, Stress etc. Se uno ansioso, proprio perchè ansioso conduce un pessimo stile di vita allora capisco l'insorgenza di possibile malattie; ma se uno ansioso segue uno stile di vita corretto (poco fumo poco alcool dieta equilibrata sport) è comunque a rischio? Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
La risposta è tendenzialmente no. Oggi parliamo di “fattori di rischio”, cioè condizioni che aumentano il rischio di avere delle malattie cardiovascolari, senza però esserne la diretta causa. Vuol dire che chi ha questi fattori di rischio ha una probabilità piu’ elevata di avere malattie cardiovascolari rispetto a chi non ha queste particolari condizioni. Di quanto più elevata, dipende dal numero e dalle caratteristiche dei fattori di rischio. Infatti i fattori di rischio hanno tra loro un effetto additivo. Quindi parliamo di “profilo di rischio cardiovascolare” del singolo soggetto in base alle caratteristiche generali del singolo soggetto. I fattori di rischio sono molti, alcuni “classici” (fumo, diabete, ipertensione arteriosa…) a cui se ne aggiungono sempre di nuovi. Inoltre alcuni fattori di rischio sono piu’ facilmente quantificabili (es valori di pressione, di colesterolo….) altri meno (es genericamente lo stress). Il semplice attacco di ansia non è considerato comunque tra i fattori di rischio.