Circa dieci anni fa, ho avuto un episodio di prostatite non batterica, curato alla meglio; a seguito del quale avverto i seguenti sintomi: eiaculazione precoce, calo del desiderio, erezione non completa e duratura e dopo l'eiaculazione avverto dolori al perineo, ai testicoli e alla punta del pene (che persistono per svariati giorni). Inoltre da poco ho notato sia una diminuzione dello sperma che una colorazione più scura tendente al beigè. Tutto questo mi genera ansia e rinuncio ai rapporti sessuali per insoddisfazione. Cosa posso fare per alleviare questi disturbi? é il caso di preoccuparmi?