12-03-2018

Cisti ovarica (Dermoide)

Buonasera gentili medici,

sono una ragazza di 32 anni. Soffro da parecchi anni di dismenorrea, purtroppo sono finita alcune volte in pronto soccorso per coliche forti, nausea, vomito, e giramento di testa (legate al ciclo) Il 20 luglio 2017 dopo essere stata al pronto soccorso ed avermi sottoposto ad un controllo ginecologico, dall'ecografia transvaginale risulta: utero antiveroflesso, endometriosi iperecogeno con corpo luteo regolare di 2.88x3.46, ovaio sinistro 2.38x1.23 cm Dopodiché il 10 agosto effettuo una visita ginecologia specialistica, da cui risulta il seguente quadro diagnostico: Formazione multiloculata/annessiale destra. Si tratterebbe di dermoide Dismennorea + 8 Dispareunia +8 Ge nulli para, dolenti LUS sx e paracervice sx, portio epitelizzata AVLF DL 76 MM DAP 38MM DT 43 MM, endometriosi 11 mm iperecogeno.

Ovaio sx 25x17 mm regolare, ovaio dx sede di formazione multiloculata a contenuto disomogeneo di 46x40x43 mm color score 1. Ho eseguito come da indicazioni esami del sangue specifici: CA125 CA199 CEA AFP BHCG HE4 RISULTATI: CA 19-9 Cheminulescenza 44,4 (Ul/ml) HE4 19,2 pmol/L CEA (quantità non disabile inferiore alla sensibilità analitica minima del metodo impiegato) idem per alfaunofetoproteina e HCGsubunità beta libera. CA125:15,4 Ul/ml Ho sentito anche un secondo parere ginecologico, ed entrambe ribadiscono un'intervento chirurgico: lps enucleazione cisti ovarica-vs annessiectomia dx. Ultimi dati: diametro A-P 36, endometrio spessore totale 10 cisti di 55 mm Falda liquida nel Douglas Vi chiedo se a seguito di questi dati è escludibile un tumore di natura maligna?

Nell'operazione l'utero rimarrà intatto? Sono un pò preoccupata, perché ultimamente da più di due settimane ho un prurito diffuso su schiena e braccia senza segni visibili di rossore, e so che potrebbe essere legato a patologie gravi.

Grazie per l'attenzione Cordiali Saluti 

Risposta di:
Dr. Maurizio Simonelli
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Risposta

È sempre difficile dare un parere senza visitare una paziente. Intanto bisogna capire se è veramente una cisti dermoide, magari con una RMN o TAC con mezzo di contrasto! Se conferma la diagnosi, si toglie solo la cisti lasciando l’ovaio ed ovviamente l’utero.

La cisti dermoide non regredisce spontaneamente ma è comunque benigna. Se invece la cisti fosse funzionale, va solo seguita nel tempo, magari facendo una pillola. La possibilità di lezione maligna, considerando l’eta e’ remota

TAG: Adulti | Chirurgia | Ginecologia e ostetricia | Giovani | Organi Sessuali | Salute femminile