17-02-2006

Colecistectomia 27 anni fasieropositività al

colecistectomia 27 anni fa
sieropositività al Virus B e al virus C
esiti di gastroduodenoscopia (agosto 2005): metaplasia intestinale di tipo I, antrite cronica da danno biliare
enzimi epatici e pancreatici nella norma,bilirubina diretta 0,34,indiretta 1,35
markers tumorali e ricerca di sangue occulto negativi
anamnesi familiare: madre (epatocarcinoma, deceduta a 54 a.), padre (carcinoma sigma stenosante, deceduto a 89 a.)
Penso di avere già sperimentato tutti i gastroprotettori in gel , tutti i procinetici - dal domperidone alla cisapride alla levosulpiride...
Seguo una dieta senza fritti, senza grassi in eccesso; se mangio lo yogurt a colazione mi brucia lo Stomaco. Sono sottopeso: 61 kg, 176 cm.
terapia eradicante di HP, effettuata con tinidazolo, claritromicina e omeprazolo: mi sono sentito un po' indebolito durante la Terapia antibiotica, ma decisamente meglio di prima, nel prosieguo della terapia con omeprazolo continuo ad avvertire piccoli crampi addominali. Quattro anni fa fui sottoposto ad analoga terapia (l'unica differenza fu il pantoprazolo come sostitutivo), ebbi un notevole beneficio per parecchio tempo. Questa volta l'esperienza è risultata piuttosto deprimente. In questi giorni ho ripreso ad avere una flatulenza molto pesante e un senso di gonfiore pronunciato allo stomaco; non ho mai avuto rigurgiti acidi in vita mia, pur soffrendo di gastrite da più di trent'anni.
Spero davvero che ci sia una terapia risolutiva per il reflusso biliare!
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La migliore terapia per il reflusso biliare è seguire un regime dietetico idoneo, privo di alcol e di cibi irritanti, associato all’uso di farmaci eucinetici, quali il domperidone. Comunque la sua condizione clinica va valutata dal gastroenterologo, più che dall’epatologo, e seguita da vicino con colloqui e visite mediche periodiche.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna