08-06-2017

Crisi di pianto e attacchi di panico

Salve, da circa 6 mesi dopo un episodio sincopale probabilmente di natura vaga dato che è stato preceduto da agitazione e paura per una extrasistole (l'ho avvertita per la prima volta nella mia vita), sto sperimentando vari disturbi. Premetto che circa 5 anni fa sono stato operato 2 volte per una displasia fibrosa dello sfenoide e ogni anno sono sottoposto a RMN senza e con contrasto dell'encefalo e del tronco encefalico e a visita neurochirurgia presso l'equipe che mi ha operato. Sono un soggetto abbastanza ansioso e introverso con estrema paura di ciò che mi potrebbe accadere, delle malattie e della morte.
L'anno scorso ho conseguito la maturità scientifica e subito dopo ho sostenuto il test di ingresso all'area medico-scientifica per poi accedere al corso di studi di farmacia che tutt'ora frequento. Il primo semestre l'ho vissuto tranquillamente ma da quando sono iniziati questi disturbi non ho più voglia di fare nulla. Ho avuti parecchi episodi di attacco di panico e crisi di pianto. In questi mesi, come ho accennato, sto sperimentando vari disturbi alcuni dei quali si attenuano per un periodo per poi ripresentarsi dopo tempo: vuoti al petto, sensazioni di mancamenti, sensazioni di testa vuota, sbandamenti improvvisi, fascicolazioni alle palpebre, fitte in zona frontale e parietale dx del cranio (probabilmente dovuti alla displasia fibrosa dello sfenoide che si impronta sul lobo frontale di destra e invade tutto lo spazio orbitale), acufeni, fitte al petto, acidità di stomaco, frequenti eruttazioni, formicolii e spilli alle mani e ai piedi, strane fastidiose sensazioni al braccio e alla gamba sx ma anche a dx, sensazione di debolezza, improvvisi punti bianchi o neri nel campo visivo della durata di pochi secondi, scricchiolii e sensazione di sabbia in zona cervicale con lieve dolore nei movimenti. L'ultima RMN dell'encefalo è stata fatto nel Novembre 2016 ed è tutto stabile.

A Gennaio 2017 ho eseguito TAC e angio-TAC encefalo (consigliatami dal neuroradiologo che ha refertato l'ultima RMN) che è risultata negativa oltre a ciò che già si conosceva. Ho eseguito recentemente elettroencefalogramma che è risultato negativo. Ho eseguito recentemente esami del sangue completi che sono risultati negativi. Ho eseguito infine visita cardiologica, eco, eco cardiogramma ed ecg holter che sono tutti risultati negativi tranne per delle extrasistoli sopraventricolari (singole, coppie e a salve) che a detta del cardiologo hanno origine ansiosa. Ora non so più che fare e a cosa pensare. Cosa mi consigliate? Grazie.

Risposta

Molti dei suoi sintomi sono verosimilmente di origine ansiosa (comprensibile). Deve quindi avere la certezza della natura del suo "episodio sincopale" e di altri sintomi da possibile "Ipotensione ortostatica". Il Tilt test con dei test cardiovascolari dovrebbero darle una risposta esauriente. Ne parli con il suo medico curante. Non basta escludere, ma bisogna anche concludere per tranquillizzare un paziente.

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia | Psicologia | Salute mentale