29-03-2017

Crisi epilettiche in neonato

Ciao a tutte. La mia sorellina è nata il 14 marzo, precisamente 11 giorni fa. Appena nata i medici hanno notato qualcosa di strano, gli hanno fatto vari controlli al cuore e ai polmoni ma è risultato tutto ottimo e nella norma. È stata trasferita in un altro ospedale il giorno dopo sospettando avesse qualcosa a livelli cerebrale. Ha fatto l'elettroencefalogramma ed è tutto apposto. Ha fatto altre analisi che i medici non ci dicono il nome e anche li tutto bene. La piccola non riesce a mangiare tutto il latte che deve perché si affatica e quindi ha il sondino. Continua ad avere crisi epilettiche (chiamate così dai dottori) ma non si sa perché avvengono. La bambina s'irrigidisce e diventa nera poi dopo si riprende. Gli stanno dando il fenobarbital, medicinale sedativo e anticonvulsivante. Dicono che potrebbe avere un ritardo mentale o qualsiasi altra cosa e io sono abbastanza preoccupata.

È 2.640 kg quindi non piccolissima ma nella norma, è nata con un parto cesareo. In gravidanza mia mamma ha fatto un'analisi per vedere se poteva avere la sindrome di Down o poteva essere nana, dato che nella famiglia del compagno ci sono familiari nani. Scusate i termini che uso ma non so perfettamente come si dicono in linguaggio medico. Ricapitolando la bambina ha le crisi epilettiche ma qualsiasi analisi dà come risultato tutto perfetto, l'unica cosa sono i tracciati che negli ultimi giorni riportavano sempre criterio non soddisfatto e dopo 1 oretta poi usciva soddisfatto. Mia mamma ha quasi 35 anni e in gravidanza non ha preso farmaci o antidepressivi. Qualcuno ne capisce qualcosa o ha avuto un caso simile? Vi prego, vi scongiuro aiutatemi a capirci qualcosa perché vedere quella piccolina con aghi, sondino e tutti quei fili addosso, mi sta facendo sentire male ogni minuto che passa.

Risposta

Carissima sorella maggiore, la piccoletta non penso abbia sofferto d sofferenza fetale, dal tracciato si sarebbe evidenziato il danno cerebrale. Da quanto lei riferisce non ci sono altre cause possibili. Di fatto però la piccola è soggetta a continue crisi comiziali. L'unica cosa che mi viene in mente è che potrebbe avere un difetto congenito nella produzione del gruppo delle vitamine B. Se così fosse, inserendo il supplemento di queste vitamine le crisi potrebbero andare in remissione. Le ripeto., è solo il mio pensiero da medico che ha letto quanto da lei scritto e senza aver visto né la bimba né tutti gli accertamenti eseguiti fino ad ora. Le faccio un grande in bocca al lupo. Rosalba Trabalzini

TAG: Bambini | Neonati | Neuropsichiatria infantile