Spesso ho a che fare con pazienti intimoriti dalle continue richieste di autorizzazione al trattamento dei c.d. “dati sensibili”. In considerazione del crescente sviluppo della telemedicina, quali riferimenti normativi possono essere dati ai soggetti sottoposti a trattamenti medici quale sicuro strumento di tutela dei propri dati personali?