17-07-2012

Defiicit o patologia pur corretta pienamente è motivo di non idoneità

Gentile Dottore, di recente ho partecipato ad un concorso in polizia e sono stato escluso alla visita medica con questa motivazione: ” …esiti di tiroidectomia totale in terapia sindrome sostitutiva..” io ho subito un intervento di tiroidectomia totale per gozzo adenomatoso e adesso sono compensato con l-tiroxina e i miei valori ormonali sono perfetti e svolgo regolare attività fisica. il decreto ministeriale dove vengono elencate le cause di esclusione è il DM. 198 del 30/06/2003, dove al punto 12 viene indicato sindromi dipendenti da alterata funzione delle ghiandole endocrine, ed è proprio a questo punto che la commissione medica si è basata per escludermi. Considerando il fatto che facendo la terapia sostitutiva non ho alcuna patologia e posso svolgere qualsiasi tipo di attività senza alcuna controindicazione dal punto di vista endocrinologico, secondo voi sussistono gli estremi per fare un ricorso al TAR con la speranza di poterlo vincere considerato il fatto che sono assolutamente sano e che il servizio sanitario nazionale non mi riconosce alcuna invalidità e che la terapia ormonale e a carico mio? eventualmente potreste consigliarmi il percorso da seguire per affrontare il ricorso? Grazie
Risposta di:
Dr. Giovanni Cesarano
Specialista in Medicina del lavoro e Medicina legale
Risposta

Caro signore

purtroppo un deficit o una patologia pur se corretta completamente da teraèia farmacologica o protesica, può essere causa di non idoneità per alcune qualifiche professionali, come gli agenti di polizia. Il suo caso può essere assimilabile ad un deficit visivo corretto con lenti. Conta cioè la condizione di base seppur la persona ha possibiltà di correzione completa del suo danno fisico,

Diversamente se avesse fatto domanda oer impiego in amministrazione.

Cordiali saluti.

Dotto Giovanni Cesarano. 

TAG: Medicina legale