03-12-2016

Derealizzazione da assunzione di cannabis

Ciao ragazzi vi chiedo aiuto, sono un ragazzo di 16 anni e fumo cannabis da circa un mese non regolarmente, ho fumato solo alcune volte (4 o 5 massimo) quando i miei amici me l'hanno offerta e mi sono sentito sempre al massimo, un po' rilassato. Ieri all'uscita di scuola un amico aveva una pallina di "ovulo" (colore simile ai panetti di hash ma sotto forma di una pallina modellabile, lui lo ha già fumato spesso). Ho dato circa 4-5 tiri, belli profondi e posso dire che siccome ero abituato a tossire mentre fumavo di solito questi sono stati i miei primi tiri veri e propri.

Sono tornato a casa e mi sentivo strano, la testa nel pallone, mi sono buttato sul letto per due secondi e mi è salito il panico, è come se in un attimo mi fossi scordato di tutta la mia vita e mi sono chiuso in bagno per più di un'ora passeggiando su e giù davanti allo specchio chiedendomi "chi sono?" È come se fossi uscito dal mio corpo e il tempo sembrava non passare mai.
Ho fumato alle 2.30 e alle 4 ero ancora nel pieno degli effetti che sono cominciati a diminuire dalle 4.30 quando mi sono sdraiato sul letto (il cuore a 2000 quindi non sono riuscito comunque a dormire) ma ho provato a rilassarmi e verso le 5.30, dopo che ero stato molto sul letto, (non so dire se abbia dormito o no, mi sentivo molto confuso) mi sono svegliato e verso la sera gli attacchi di panico sono tornati, non ho mangiato praticamente niente e ho avuto problemi ad addormentarmi, con tutti i pensieri che mi salivano e mi davano preoccupazioni.

Stamattina mi sono svegliato con le stesse preoccupazioni del giorno prima (di non sentirmi più me stesso, come di essere uscito dal corpo), ora dopo aver mangiato sto leggermente meglio. Ho sentito poi l'altro mio amico (fumatore di cannabis abituale da circa un anno, fuma molto) e non ha sentito nulla di particolare, quindi possibile che io sia predisposto a questi attacchi di ansia? Io personalmente mi ritengo un tipo ansioso, a scuola vado bene e cerco di avere sempre tutto sotto controllo ma ora ho paura degli attacchi di panico, ora mentre scrivo mi sento fuori dal corpo come se dicessi "questa è davvero la mia vita?" Vi prego aiutatemi, perché sono sicuro che questo non è colpa della cannabis ma che siano stati quei quattro tiri a farmi venire l'ansia. Grazie, vi prego rispondete il prima possibile.

Risposta di:
Dr. Giovanni Delogu
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Risposta

Caro ragazzo, premetto che l'uso di cannabis slatentizza problemi psichiatrici per i quali siamo eventualmente predisposti. Nel tuo caso specifico, essendo un soggetto ansioso, ha generato un disturbo chiamato derealizzazione. Ti suggerisco vivamente di non fumare mai più, se non vuoi correre il rischio concreto che queste sensazioni non vadano via, e si manifestino in un vero e proprio disturbo d'ansia da trattare farmacologicamente. Ora ne sei consapevole, sappi che ho seguito diverse persone con un grave disturbo psichiatrico scatenato dall'assunzione di tetracannabinoidi. Ora ne sei consapevole, se continui lo fai a tuo rischio e pericolo.

TAG: Psicologia | Salute mentale | Terapie | Tossicologia medica