Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

18-06-2013

Diabete di tipo 2il mio diabetologo mi ha

diabete di tipo 2Il mio diabetologo mi ha prescritto 3 pillole di novo Norman da 2 mg e 2 di Meta formina da 1g, poiché quest'ultima mi crea qualche problema, ho consigliato al medico se era possibile eliminarla, e magari di aumentare la dose di novo Norman, a questa mia osservazione, non certamente con il massimo della pacatezza, mi viene risposto più volte che il massimo delle dosi previste di Novo Norman e di 6 mg, a questo punto ho tirato fuori le avvertenze del novo Norman che avevo in tasca e le ho fatto leggere il dosaggio previsto della casa produttrice che è di 16 mg giornaliere (massimo), la stessa restava perplessa, sostenendo che le istruzioni della casa produttrice erano sbagliate e che pertanto non mi avrebbe mai aumentato la dose.Tenendo conto che non ho problemi ne di fegato ne dell'apparato urinario, la risposta del mio diabetologo è corretta oppure no? ci tengo veramente tanto ad avere una risposta grazie.
Risposta

Gentile lettore

Il principio attiva del Novonorm è la repaglinide

La Dose iniziale raccomandata è di 0,5 mg.

Tra le fasi di aggiustamento della dose devono trascorrere da una a due settimane circa (in base alla risposta glicemica).

Se i pazienti sono trasferiti da un altro ipoglicemizzante orale, la dose iniziale consigliata è 1 mg.

Mantenimento:
La massima dose singola consigliata è di 4 mg, assunta ai pasti principali.
La massima dose giornaliera totale non deve superare i 16 mg.

Gruppi specifici di pazienti:
La repaglinide è escreta principalmente per via biliare e quindi non è sensibile alle malattie renali.

Solo l'8% di una dose di repaglinide è escreta attraverso i reni e la clearance plasmatica del prodotto è ridotta nei pazienti con insufficienza renale. Poiché la sensibilità all'insulina è più elevata nei diabetici con insufficienza renale, è opportuno porre attenzione nell'aggiustare la dose in questi pazienti.

Non sono stati effettuati studi clinici in pazienti con più di 75 anni o in soggetti con insufficienza epatica...

La repaglinide può essere somministrata in associazione con la metformina, quando la glicemia non è sufficientemente controllata con la sola metformina. In questo caso, il dosaggio della metformina va lasciato invariato mentre contemporaneamente si somministra la repaglinide. La dose iniziale della repaglinide è di 0,5 mg prima dei pasti principali; l'aggiustamento della posologia deve essere stabilito sulla base della risposta glicemica come per la monoterapia.

Controindicazioni:
- Ipersensibilità accertata alla repaglinide o ad uno qualsiasi degli eccipienti di NovoNorm
- Diabete tipo 1 (diabete mellito insulinodipendente), peptide C negativo
- Chetoacidosi diabetica, con o senza coma
- Gravidanza e allattamento (vedere paragrafo 4.6)
- Bambini di età inferiore ai 12 anni
- Gravi disfunzioni epatiche
- Assunzione concomitante di gemfibrozil.

Cordiali saluti

Dott. Corso Concetto

Diabetologo

TAG: Diabete | Endocrinologia e malattie del ricambio
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!