Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

08-01-2019

Disfunzione erettile post intervento

Buona sera ho subito un intervento di corporoplastica di allargamento penineo a causa di una malattia di peyronie. Ora a distanza di 1 anno dall'intervento e 2 terapia giornaliere con vacum e extender mi ritrovo con un pene piu corto e con problemi all'erezione cioè non riesco ad ottenere una erezione nonostante prima ce l'avevo regolarmente. Come devo comportarmi? Dall'ultima ecocolordoppler penineo è risultato che ho un arteria che non chiude e quindi il sangue non viene trattenuto all'interno del pene. Ho 40 anni appena compiuti e vivo malissimo con conseguenze psicologiche tremende. Aiutatemi vi prego.
Risposta
Gli elementi che ci fornisce non sono sufficienti ler giudicare a distanza una situazione apparentemente complessa, nè probabilmente potrebbero esserlo, considerato il gran numero di variabili coinvolte. Tra queste principalmente le reali condizioni che hanno reso necessario l”intervento e quale tecnica sia stata adottata. Ipotizzando un intervento di raddrizzamento del pene per angolazioni da placca di induratio, un minimo accorciamento relativo è da attendersi, non così un deficit erettile. Necessaria quindi una attenta valutazione diretta da parte di un nostro Collega specialista in urologia con specifica competenza nella chirurgia genitale.
TAG: Andrologia | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!