Buona sera. Recentemente a mia sorella di anni 44 è stata diagnosticata una dissecazione spontanea dell'arteria carotidea di sinistra.All'ospedale hanno eseguito tac con e senza contrasto, ecodopler e risonanza. Dopo un ricovero durato una settimana, durante il quale è stata tenuta in osservazione e le sono stati somministrati antidolorifici ogni qualvolta il dolore diventasse insopportabile, è stata dimessa con appuntamento per controllo in ambulatorio tra 3 mesi.La terapia a casa prevede cardioaspirina, laroxyl prima di andare a dormire e indoxen 50mg al bisogno.Ci è stato detto che essendo una lesione "piccola" (circa un centrimetro) guarirà spontaneamente e gli episodi dolorosi saranno via via più lontani e meno intensi. I primi giorni in effetti è stato così. Oggi invece ha avuto una crisi emicranica talmente violenta da dover prendere 2 compresse di indoxen a distanza di 3 ore.Poi passata.Ma per quanto tempo possono durare questi episodi dolorosi? Cosa si può fare per evitarne, o perlomeno limitarne, la venuta? A che punto si dovrebbe ritornare al pronto soccorso? È normale che nonostante i primi giorni sembrava andare meglio oggi ha avuto dolori così violenti? Perdoni le domande forse stupide ma siamo molto preoccupati.Attendo una cortese risposta.