Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

24-03-2007

Dopo annessiectomia infezioni più frequenti

ad un anno e mezzo dall'intervento di isterectomia totale continuo ad avere addome gonfio, perdite vaginali e VES a 31. Da un tampone vaginale è risultato enterococco fecalis e streptococco aureus che ho curato con ciproxin in quanto risultato sensibile. Ma dopo un mese dalla sospensione del medicinale, tutto ciò si ripresenta. Non so più cosa fare. Ho eseguito anche un eco addome, ma non si evidenzia nulla. Che cura devo fare per debellare tali infezioni?
Filippo Dall'Orto
Risposta di:
Filippo Dall'Orto
Risposta
Se era già in menopausa al momento dell'intervento oppure non era ancora in menopausa e oltre a togliere l'utero, le hanno tolto anche le ovaie (annessiectomia), per cui è andata in menopausa chirurgica, il suo problema potrebbe essere legato alla carenza di estrogeni. La mucosa vaginale, infatti, è un orgeno bersaglio di questi ormoni, da cui dipende il suo trofismo. La mancanza di estrogeni porta ad una distrofia della mucosa con conseguente assottigliamento, ridotta vascolarizzazione, diminuzione della flora saprofitica (lattobacillo acidofilo di Doderain), per cui le sue naturali difese si affievoliscono, con conseguente maggiore suscettibilità alle infezioni. Il consiglio, ove non vi siano controindicazioni, è quello di associare alla terapia antibiotica e/o antisettica locale, una somministrazione di estrogeni topici, naturali o sintetici, da ripetere ciclicamente, per migliorare il trofismo della mucosa vaginale e quindi prevenire le infezioni. La valutazione sull'opportunità di tale terapia è comunque compito del suo ginecologo curante. Risposta a cura del Dott. Francesco Guida U.O.S.C. Ginecologia e Ostetricia A.O.R.N. "A. Cardarelli" - Napoli
TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!