10-08-2016

Dosaggio Acido Ursodesossicolico

Un cordiale saluto; Ho 32 anni, donna, peso 68 kg circa ed attualmente tutti valori del fegato nella norma dopo ultime analisi del sangue. Poco tempo fa sono stata in ospedale, allettata 2 mesi (pesavo 80 kg...ora 68 perché messa a dieta!), per una difficile gravidanza non andata a buon fine al sesto mese e sono stata spesso sotto controllo ecografico di fegato e cistifellea (tra le terapie a cui ero sottoposta c'erano costanti e ripetute iniezioni di progesterone ed antibiotici con successivi valori del fegato nel sangue non molto regolari). Dalle ecografie di aprile tutto ok. A fine maggio sabbia biliare-bile densa nella cistifellea. A metà giugno (a gravidanza purtroppo terminata!) un solo micro-calcolo di circa 4mm a seguito di piccola colica.
Domanda: visto i recenti tempi di formazione del calcolo e la sua dimensione è possibile evitare l'intervento chirurgico di asportazione cistifellea? Mi risulta che il progesterone ed allettamento non abbiano aiutato il regolare funzionamento dell'organo. Mi consiglia un dosaggio giornaliero dell'acido Ursodesossicolico? Ringrazio per un vostro consiglio perché è mia intenzione evitare, al momento, l'intervento chirurgico anche se tutti dicono che è semplice.
Risposta di:
Dr. Luigino Bellizzi
Specialista in Chirurgia generale
Risposta
Gentile Signora, purtroppo la soluzione del suo problema è l'intervento chirurgico, in quanto la sua colecisti,non funziona più come dovrebbe e pertanto non è in grado di rielaborare la bile in essa contenuta, redendola litogena. Il dosaggio di acido ursodesossicolico consigliata per sciogliere i calcoli e rendere la bile meno densa varia da 300 a 600 mgr al giorno, da protrarre per almeno due o tre mesi, associata ad una dieta povera di grassi. Il farmaco è controindicato in gravidanza ed in pazienti con ulcera gastro-duodenale in fase attiva, non dovrebbe essere usato in caso di coliche frequenti, ostruzione delle vie biliari,epatopatie gravi, gravi alterazioni pancreatiche o intestinali che possono alterare la circolazione entero epatica degli acidi biliari. Cordiali saluti
TAG: Chirurgia generale | Epatologia | Fegato | Gastroenterologia