Buongiorno, sabato 02/11/2013 mia moglie è stata ricoverata in ospedale per sospetta appendicite, in quanto era dalla mattina che andava a vomito e dissenteria; una volta in ospedale le sono state fatte flebo di sali minerali per l'idratazione e le sono stati iniettati antidolorifici (essenzialmente paracetamolo in quanto affetta da morbo di... Leggi di più werlhof); dalle analisi iniziali i medici hanno optato per una forte gastroenterite con interessamento dell'appendice, è stata tenuta sotto osservazione le notti di sabato e domenica con dimissione nel pomeriggio di lunedì con diagnosi di gastroenterite e terapia domiciliare di enterogermina e imodium.Da lunedì mia moglie non sta meglio, il dolore alla zona addominale è continuo con qualche forte fitta periodica durante la giornata e questo mi fa un po' preoccupare in quanto non accenna a star meglio anche dopo due intere giornate; la sintomatologia sembrerebbe portare all'appendicite (da completo ignorante in materia), febbre ed mancanza di appetito sono assenti. E' il caso di riportarla in ospedale per ulteriori accertamenti? I valori delle analisi (del giorno di dimissione) sono i seguenti:- Linfociti 0.6- Leucociti 13.8- Eritrociti 5.96- Emoglobina 16.4- Ematocrito 48.7- MCV 81.6- Netrofili 12.9- P-APTT 0.75- P-PCR 68.4Rimango in attesa di una Vostra cortese e spero celere risposta vista la situazione e ringraziando anticipatamente porgo distinti saluti.