Cerco aiuto omeopatico!Nicola Cutrì Via Pietro Colletta n. 2589025 Rosarno (R.C.) Tel. 346-63.89.779e-mail: nr03@libero.it (S.O.S.) A chiunque legge questo messaggio e pensa di potermi dare aiuto. Sono affetto di una malattia incurabile da circa 45 anni. Non vi dico quanto ho potuto girare in varie parti del mondo senza avere risultati di nessun genere. Ho anche provato ogni tipo di cura senza nessun beneficio. Purtroppo la mia condizione è peggiorata sempre di più e, adesso mi ritrovo con 59 anni e un sacco di sofferenza sulle spalle. Il mio calvario e incominciato all’età di 14 anni come se vivessi un incubo. Quando camminavo le caviglie si giravano, non riuscivo a tenere un’andatura retta poiché sbandavo come un ubriaco, inoltre quando cercavo di correre non riuscivo perché ero come se fossi trattenuto dal vento, sentivo sempre stanchezza e dopo un certo periodo di tempo l’articolazione alle caviglie cominciò a mancare sempre più. Intanto anche i muscoli delle mani incominciavano ad atrofizzarsi. I medici all’inizio dicevano che è una distrofia muscolare progressiva ma dopo ripetuti esami (per non dire torture)hanno stabilito che è un’atrofia muscolare progressiva di tipo (charcot-marie-tooth) RISULTATO? nessuna possibilità di cura. A questo punto la mia vita divenne un pellegrinaggio consultando vari dottori e sentendo varie opinioni tra cui molti di questi non sono d’accordo con la diagnosi fatta precedentemente, in effetti facendo il primo esame del DNA è risultato negativo. Mi hanno consigliato di fare il secondo esame del dna più approfondito. Dopo 5 anni datomi il risultato e’ stato ancora negativo. Quindi tutto lascia supporre che non ho una malattia genetica, ma una neuropatia dovuta ad una causa ancora sconosciuta. Personalmente credo molto alla medicina alternativa. Inoltre, sono anche certo che ci sono molti bravissimi dottori che nonostante la loro capacità vivono nell’ombra, che per la loro tanto apprezzata umiltà non amano mettersi in mostra per farsi pubblicità. Grazie! Grazie! La notte non riesco a riposare quasi mai bene perchè sono pieno di dolori e molte volte sono atroci. Perciò quando ci sono loro, la vita diventa molto amara quasi impossibile viverla. Però oltre a questi ci sono tantissime altri problemi e sofferenze. Adesso voglio ringraziare anticipatamente tutti coloro che pensano di potermi aiutare. E tutti coloro che leggeranno questa lettera.Grazie di cuore! Nicola Cutrì