mio papà ha iniziato una cura di interferone circa a Gennaio 2008 per curare l'epatite.Gli avevano detto che questa cura rendeva deboli,a volte gli sarebbe venuta anche la febbre,ma come l'ho visto io dopo 7 mesi nn ci credevo!si sentiva stanchissimo,sempre febbre e aveva solo voglia di andare a letto a dormire.Aveva pure perso l'appetito perchè la cura gli ha fatto perdere il senso del gusto.quando andava per inaffiare le piante con la canna dell'acqua si doveva fermare perchè nn ce la faceva,così si sedeva perchè respirava con fatica...è tutto normale?...durante una visita cardiaca per misurare l'intensità dello sforzo,un dottore si è accorto nn poteva fare sforzi perchè rischiava un infarto,gli hanno dovuto fare 2 baipass,2 arterie coronarie erano CHIUSE.Ora nn so se la cura centrasse o no,certo che non penso che una cura debba distruggere un uomo in tutte le altre forme di salute...è veramente così dura e disabilitante questa cura di INTERFERONE??