10-07-2018

Effetti collaterali per assunzione reiterata farmaco contro esofagite

Sono una donna di 70 anni,Ho assunto il Levobren per oltre un anno, una compressa al giorno, sospendendo dopo qualche periodo per alcuni giorni fino a che non ritornava il problema. Il mio gastroenterologo mi ha cambiato la cura sempre con Levobren, 2 compresse al giorno per un mese prima dei pasti e Novoprox per un mese, togliendomi la protezione (Mepral) . Dopo 5 giorni di quest'ultimo mi è ritornata nausea e vomito. Il gastroenterologo afferma che il Levobren non può essere assunto per lunghi periodi ma per me è l'unico che funziona. Ora chiedo: può questo medicinale preso in continuazione arrecare danni significativi? Grazie

Risposta di:
Dr. Luano FattoriniDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'Apparato Digerente e Endoscopia Digestiva
Risposta

E' consigliabile assumere la Levosulpiride (Levobren e altri) per periodi limitati, non protratti nel tempo, perché può avere vari inconvenienti (iperprolattinemia, mastodinia, allungamento del QT, interazione negativa con neurolettici e altri farmaci eventualmente in corso, ecc..). È un procinetico, agisce sulla funzione, meglio assumerlo a cicli se necessario. Saluti.

TAG: Anziani | Apparato Digerente | Disturbi gastrointestinali | Effetti Collaterali | Farmacologia | Gastroenterologia | Terapie