Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

15-05-2006

Egregio dottore, da dove iniziara? innanzitutto

Egregio Dottore, da dove iniziara? Innanzitutto dall'età, ho 25 anni e ne compirò 26 il prossimo agosto. Da circa un anno e mezzo, essere sinceri soprattutto con i medici non guasta mai, i miei umori e le mie giornate sono molto segnate dalla paura di problemi al cuore. Questa condizione mi ha portato in poco più di un anno a fare diverse "puntatine" in pronto soccorso. Ho quindi effettuato in poco più di un anno circa 20 ecg. Mi hanno ascoltato 20 volte il cuore e nessuno ha riscontrato mai nessuna anomalia, nè soffio, nè nulla. Esattamente un anno fa, per tranquillizzarmi del tutto ho fatto un ecocardiogramma ed una visita cardiologica. Tutto ok anche se nella risposta scritta il Cardiologo parlava di una lieve insufficienza della tricuspide. Non avendomi dunque neppure parlato di questa insufficienza, mi ero tranquillizzato e molto. Mesi fa (novembre) mi sono recato di nuovo in un pronto soccorso e di nuovo non veniva riscontrato niente! Ieri (8 maggio 2006) non ho retto alla paura dell'ennesimo "tuffo al cuore" e dolore alla schiena e fitte al petto e sono tornato in un pronto soccorso. Come sempre elettrocardiogramma: negativo. Dopodichè il solito medico genericissimo di ospedale.... mi dice di sentire il soffio. Mi parla di click mesosistolico s/s a 2/6 sul focolaio della mitrale! E' mai possibile, che 20 medici non avevano sentito nulla e lui si? O meglio, il cardiologo che mi ha visitato lo scorso non aveva sentito e visto niente e lui si? L'ecocardiogramma escludeva ogni cosa e lui con 35 secondi di visita mi parla di prolasso mitrale, di soffio al cuore? Sta di fatto che, esattamente appena uscito da quel pronto soccorso, con la stessa scusa del cardiopalmo mi dirigo in un altro ospedale. Bene, nuovo elettrocardiogramma, negativo. Nuova visita ed il medico, come i 20 precedenti non sente il soffio e mi dice di stare tranquillo. Fumo 30 sigarette al giorno, in famiglia nessun cardiopatico, e io stesso non ho mai avuto nulla. Questi tuffi al cuore, queste extrasistoli cosa mi devono indurre a pensare dopo 21 ecg e dopo un visita dal cardiologo, dopo le analisi e gli enzimi del cuore con esiti negativi? Le chiedo scusa per il disturbo e mi rallegro con Lei per quello che fa. La serenità che dà a molte donne e uomini è una condotta professionale e di vita che fa invidia e che fa lezione! Con i migliori saluti, Luigi.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Caro Luigi penso che qualche volta le persone (anche i medici) sentono quello che ritengono di voler sentire in base a un sospetto diagnostico che si sono confezionati: nel suo caso il collega pensava che il suo disturbo potesse essere conseguente a un prolasso valvolare mitralico e questo lo ha spinto a scambiare magari un terzo tono fisiologico alla sua età con un click da prolasso valvolare mitralico. Io vorrei rassicurarla in quanto l’ecocardiogramma è l’esame più indicato per definire la presenza di un prolasso e se questo è risultato negativo, si può escludere la presenza di un prolasso (inoltre il rigurgito tricuspidalico segnalato è un fenomeno normale e non patologico). Insomma stia tranquillo e piuttosto smetta di fumare: perché se adesso il suo cuore è sano, non so se le sue coronarie lo rimarranno se lei continuerà nel vizio tabagico, per non parlare dei suoi polmoni.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!