26-09-2006

Egregio dottore, la ringrazio vivamente per la

Egregio Dottore, la ringrazio vivamente per la cortese attenzione e risposta, che mi ha dato alcune settimane fa (Codice domanda:HH/1I54703), le domando ulteriori informazioni che riguardano mio fratello, gli esami del sangue che doveva fare, non li ha ancora eseguiti, ma con mia insistenza sono riuscita a mandarlo dallo specialista epatologo, il quale ha eseguiti direttamente dopo la visita, gli esami ematici, e prescitto una BIOPSIA al fegato, sono un po' preoccupata in quanto il medico epatologo ha chiesto di verificare se dopo un intervento che ha effettuato 3 anni fa, erano stati fatti dopo dei controlli ematici, con gli esami HCV, ed infatti dalle vecchie analisi risalenti al 2003 è risultato POSITIVO agli ANTICORPI-HCV, ma il medico curante all'epoca non aveva dato nessuna importanza, per favore potrebbe darmi maggiori delucidazioni? Cosa significa la sua positività di 3 anni fa? Può consigliarci un buon centro nella provincia di Milano dove affidarci? Ringraziandola anticipatamente invio i miei più cordiali saluti. Laura.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Da quanto riporta si evince che è presenta una infezione da parte del virus epatitico C. E’ necessario eseguire o ripetere il test HCV-RNA di tipo qualitativo per accertare che sia o meno presente l’infezione stessa. Un ottimo Centro per la cura di queste patologie a Milano si trova presso la Epatologia dell’Opsedale Niguarda, direttore professor M. Colombo.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!