Gentile Dott. sono un uomo di 68 anni, peso 60 kg. e sono alto 165 cm. da circa 1 mese soffro di dolori zona anale di tipo contrattura e stiramento interno, cioè sintomo di rigidità anale, bruciore del perineo fino al pene, nonché l'assenza di stimolo naturale ad evacuare; per tale problematica al mattino bevo 2-3 bicchieri acqua a digiuno e dopo 1/2 ora riesco ad evacuare, inoltre sistematicamente ho il blocco della schiena con dolori nella zona lombare, dorsale e sacrale, per tale problematiche ho eseguito RMN in settembre 2013 rachide cervicale e rachide lombosacrale la quale riporta tale referto: alcune ernie intraspongiose di Schmorl a livello delle limitanti somatiche contrapposte al tratto D11-L4, a livello L4-L5 lieve protusione discale che impegna i forami di coniugazione riducendone l'ampiezza, nei limiti la regione della cauda, cono midollare sito ad L1-L2, modica ipertrofia artrosica dei massicci articolari posteriori con associata sottile falda liquida faccettaria, riduzione della fisiologica idratazione dei nuclei polposi a tutti i livelli con iniziale riduzione di spessore a livello L4-L5 , ometto la descrizione del rachide cervicale, e quindi chiedo se tale situazione sia da addebitare alle problematiche di cui al referto descritto e quindi in tale situazione cosa propone e/o ulteriori accertamenti per eliminare il problema? Grazie