20-11-2007

Esame endoscopico colonscopia

A mia moglie è stato rilascaito il seguente referto dopo colonscopia: "Si esplora la mucosa del grosso intestino fino al cieco. Le pareti dei tratti esplorati sono ben distnsibili rivestite da mucosa che nel cieco presenta una plica ipertrofica, rivestita da mucosa di normale aspetto. Bipsie. Austratura ravvicinata nel sigma. Negativa l'esplorazione dei restanti tratti. Flogosi ed emorroidi a livello del canale. Si segnala dolicocolon."
La diagnosi a seguito di relativa bipsia endoscopica sede unica è stata la seguente:
"Il campione inviato come "biopsia plica ipertrofica del cieco" corrisponde a frammenti di mucosa del grosso intestino con edema, congestione dei capillari, aumento della quota linfoplasmacellulare e presenza di scarsi granuociti nel corion".
Di cosa si tratta? Deve effettuare altri controlli o terapie?
Ogni quanto tempo deve effettuare la colonscopia?
FIORENZO NENCIONI
Risposta di:
FIORENZO NENCIONI
Risposta
Non è nulla. Non deve effettuare terapie. Se non c'è familiarità per polipi o neoplasie del colon, la colonscopia andrà ripetuta tra 10 anni.
TAG: Chirurgia dell'apparato digerente
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!