14-11-2017

Esami Beta Hcg dopo 12 giorni da un rapporto a rischio

Gentile dottore, sono una ragazza di 27 anni, la sera di lunedì 30 ottobre mi è capitato di avere un rapporto non protetto con un ragazzo, praticando il coito interrotto, lui è venuto fuori, ma c'è stata la penetrazione e sicuramente il liquido pre eiaculatorio è entrato (non ho ancora capito se solo con quello c'è la possiblità di una gravidanza). Sta di fatto che il rapporto è avvenuto 4 giorni dalla fine del ciclo mestruale (giovedì 26 ottobre).
Giovedì sera (2 novembre), tre giorni dopo il rapporto, insieme alle perdite bianche lattiginose (penso che siano quelle che indicano il periodo pre ovulatorio) ho notato delle perdite marroni tipo spotting, e presa dall'agitazione venerdì 3 novembre verso l'ora di pranzo ho preso la pillola EllaOne (circa 85 ore dopo il rapporto). Anche su questa pillola ho letto di tutto e di più (che se assunta prima dell'ovulazione la sposta in avanti, e se assunta dopo rende inospitale l'endometrio, quindi impossibile l'impianto).

Dato che il mio ciclo non è mai stato regolare, può andare da un minimo di 24 giorni a un massimo di 30/31, non posso mai calcolare con esattezza il periodo ovulatorio, anche se 8 giorni dall'inizio del ciclo penso sia difficile che io avessi già ovulato, visto che ho avuto delle perdite bianche lattiginose tre giorni dopo il rapporto. Detto questo, non riesco a stare tranquilla, continuo a guardare siti internet, dove ovviamente trovo tutto il contrario di tutto, e quando magari sono sola con i miei pensieri vado in paranoia totale. So che non ha senso fare un test di gravidanza ora perché potrebbe dare falsi risultati, ma volevo capire se facendo l'esame della Beta HCG domani (12 giorni dal rapporto a rischio) i risultati possono essere validi. Grazie mille

Risposta

Gentile ragazza, in ogni caso il coito interrotto è una metodica anticoncezionale a notevole rischio di fallimento,indipendentemente dagli annosi dibattiti sulla presenza o meno di spermatozoi nel solo liquido pre seminale.Comunque lei ha assunto la pillola EllaOne entro i termini previsti dalla ditta produttrice,e quindi non dovrebbe nutrire dubbi sulla sua efficacia. Qualora volesse controllare il valore del betahcg,la consiglierei di attendere almeno quindici giorni dal rapporto in questione ,affinchè il risultato sia attendibile. Cordiali saluti Piergiorgio Biondan.

TAG: Biochimica clinica | Esami | Ginecologia e ostetricia | Gravidanza | Organi Sessuali | Patologia clinica | Salute femminile