Facendo riferimento alla sua risposta alla domanda codice 37096xf9, le chiedo di spiegarmi in modo chiaro cosa significa "considerare il rapporto rischio/beneficio e l'eventuale presenza di cardiopatia sottostante".A tal proposito le fornisco altre utili informazioni. Mio figlio è stato sottoposto a ben 4 visite cardiologiche con esami di... Leggi di più elettriocardiogramma ed ecocardiogramma . Tutte le indagini hanno dato esito negativo e il cuore è stato dichiarato sano salvo le tachicardie rilevate con gli holter e per le quali si suppone una possibile tachicardia parossistica sopraventricolare.Alla luce di quanto sopra le chiedo se queste tachicardie e gli episodi di cardiopalma (che sono stati rilevati, dal 28 didcenbre 2007, ogni 7-8 gg. anche sotto cura farmacologica) possono essere attribuiti ad un malfunzionamento della tiroide, che ora andremo ad accertare, o a un'ansia che il bambino potrebbe avere. E' effettivamente un soggetto molto sensibile e iperattivo.Insomma non sappiamo se a giugno prossimo, come consigliato da uno dei quattro cardiologi, sottoporlo allo studio elettrofisiologico endocavitario e ad ablazione transcatetere mediante radiofrequenza del substrato aritmico, o se invece, accertato che il farmaco fa effetto, attendere l'età di 11-12 anni e poi valutare.Se fosse suo figlio cosa farebbe ?