25-01-2017

Fastidio alla bocca dello stomaco

Cari dottori, vi scoccio ancora per aggiornarvi sulla situazione. Come anche voi avevate detto, quei dolori addominali manifestatisi a dicembre erano dettati da colon irritato e meteorismo. A inizio gennaio la situazione è migliorata, ad oggi ci sono però altri piccoli problemi che riguardano tutto l'apparato digerente. Da una decina di giorni, quando ingoio, capita di avvertire 4-5 secondi dopo un senso di fastidio alla bocca dello stomaco. Non è dolore, non è cibo che si ferma, ma è come se ci fosse un movimento d'aria, infatti da dopo mangiato in poi inizia un brontolio rumoroso che perdura fino alla notte e che avverto fino al torace, quando faccio un respiro profondo è ancora più forte. Le feci sono di dimensioni più piccole, raramente diarrea, colore marrone regolare. a volte mi pizzica anche un po' la gola.

Il medico e i 4-5 farmacisti consultati sostengono che l'abuso di bevande gassate durante le feste, un'alimentazione sbagliata praticamente da sempre, la brutta abitudine di mangiare velocemente e di stendermi a letto poco dopo la cena abbiano creato problemi a tutto l'apparato, dal colon irritabile al meteorismo passando per aerofagia e reflusso. Infatti un paio di notti ho avvertito un rigurgito arrivato fino alla gola, episodi sporadici durati pochi secondi; altre volte, invece, sento come se il torace fosse pieno d'aria, che non riesco ad espellere con la bocca.
Premetto che areofagia e brontolio li ho avuti da sempre, ma non mi era mai successo che la cosa si protraesse per due settimane.

Aggiungo che è un periodo di grandissimo stress, di ansia con saltuarie crisi di panico, sono in cura con una psicologa e uno psichiatra. Volevo chiedere a voi, ricordando che ho 27 anni, che non ho perso peso, che non avverto dolori né bruciori, che mangio regolarmente e che una volta a settimana svolgo attività sportiva senza sentirmi stanco o affaticato (ultime analisi del sangue sono datate dicembre 2015, perfette) dai miei sintomi si possono escludere tumori stomaco, esofago o colon al 100%? è vero che problemi digestivi come i miei, pur usando farmaci, integratori e rivedendo la dieta, possono comunque durare per diversi mesi? concordate col medico quando dice che "anche se i sintomi durassero ancora per molto e i farmaci non facessero effetto, la diagnosi non cambierebbe e il tumore è già escluso oggi"? Il mio terrore è che se tra 5-6 mesi le cose non migliorassero, potrebbero prendere in considerazione altre ipotesi; se invece c'è una possibilità anche minima che ciò che ho derivi da cose gravi, vorrei fare subito una gastroscopia, cosa che tutte le persone con cui parlo reputano assolutamente inutile. Cosa ne pensate? Grazie

Risposta di:
Dr. Luano FattoriniDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'Apparato Digerente e Endoscopia Digestiva
Risposta

La cosa più utile e importante per la tua salute è liberarti dal tuo stato di disagio psicologico e dalla tua fobia, perché sono le tue paure a farti star male, anche se la gastroscopia è a posto. Devi trovare il modo di farti aiutare ed il tuo medico, che ti conosce bene, ti saprà consigliare per il meglio. Cari saluti e auguri

TAG: Gastroenterologia