Quasi due mesi fa, a causa di un pezzo di bottiglia, mi si è tagliato il mignolo di una mano all'altezza del polpastrello. Sono stati dati vari punti alcuni dei quali rimossi , penso, precocemente perché la ferita continuava ancora a sanguinare. La lenta rimarginazione si è finalmente completata, ma permangono un gonfiore nel polpastrello (come se avessi una bolla in profondità) e una dolenzia al tatto. Questo stato non mi sembra ad occhio un'infiammazione, perché il colore della pelle è omogeneo e perché l'ho da quando hanno tolto i punti, ma vorrei sapere se andrà via spontaneamente o se devo ricorrere ad un medico perché liberi da un eventuale liquido o altro la parte. Grazie.