Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
3 minuti di lettura

Quali sono i rapporti a rischio HIV?

La possibilità di trasmettere l’infezione da Hiv dipende dal tipo di comportamento messo in atto.
In questo articolo:

Il contagio da HIV, il virus responsabile dell’AIDS, avviene oggi prevalentemente per via sessuale, a causa di rapporti non protetti: la trasmissione avviene attraverso il sangue, lo sperma e i fluidi vaginali.

Ecco una panoramica sui rapporti a rischio e sulle pratiche sicure.

Penetrazione vaginale

Il rapporto sessuale con penetrazione vaginale è a rischio per entrambi i partner: l'HIV è presente sia nello sperma maschile che nei fluidi vaginali; tuttavia, il rischio di contagio è maggiore per le donne che fanno sesso con uomini sieropositivi.

Il preservativo protegge dal rischio HIV se utilizzato correttamente dall'inizio del rapporto, al contrario rapporti non protetti con strumenti di barriera (coito interrotto e l'uso di anticoncezionali) aumentano la possibilità di contagio oltre che di contrarre altre infezioni sessualmente trasmesse.

Penetrazione anale

Il rapporto con penetrazione anale è quello più rischioso: la mucosa anale è delicata e – data la minore lubrificazione – più soggetta a lesioni e microtraumi; inoltre è più facile che lo sperma contenente virus entri nella circolazione sanguigna.

Anche in questo caso il preservativo, usato correttamente dall'inizio del rapporto, protegge.

Sesso orale

La fellatio (stimolazione orale del pene) è un rischio per chi la pratica: l'HIV presente nello sperma potrebbe trasmettersi attraverso la mucosa orale, soprattutto in presenza di microtraumi.

Anche il cunnilingus (stimolazione orale dei genitali femminili) è a rischio: le secrezioni vaginali possono contenere il virus HIV, che può essere trasmesso tramite la mucosa orale.

Quando il virus HIV non si trasmette

Non si corre alcun rischio di contrarre l’HIV:

  • con abbracci, carezze e baci;
  • attraverso saliva, lacrime, sudore, urine;
  • masturbando il partner, a condizione che lo sperma o le secrezioni vaginali non vengano a contatto con ferite aperte.

Hai il sospetto di un comportamento a rischio?

In aggiunta al test tradizionale sul sangue, sono oggi disponibili in farmacia e online test rapidi “fai-da-te” in grado di individuare in breve tempo la presenza degli anticorpi anti-HIV nel sangue o nella saliva. Questi test, che presentano un apprezzabile livello di sensibilità e specificità, possono essere facilmente effettuati anche in assenza di personale sanitario.

È possibile acquistare autotest per l'HIV anche su Amazon. Il risultato è disponibile in pochi minuti e, se positivo, è necessario contattare sempre il proprio medico per un'ulteriore conferma di laboratorio. Acquista su Amazon

Paginemediche partecipa al programma Affiliazione Amazon e, in qualità di affiliato, riceve un guadagno dagli acquisti idonei.

 

 

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali