Salve, sono una donna di 28 anni. Da quando sono piccola soffro di vertigini. Solo negli ultimi mesi ho deciso di capirne il motivo. Cosi ho effettuato visita Otorina, il cui esito è stato l’emersione di un deficit vestibolare destro. Lo specialista per confermare la diagnosi mi ha richiesto una RMN all’encefalo e tronco encefalico. Questa ha evidenziato “minuti focolai di aspetto iperintenso nel contesto della sostanza bianca peri ventricolare dei corni frontali, della sostanza bianca sotto corticale del terzo medio dei rostri frontali, del versante laterale del terzo anteriore della convessità frontale sinistra e lungo il profilo superiore del nucleo lenticolare di sinistra, da riferire ad esiti gliotico-cicatriziali, allo stato attuale di aspecifico significato”. È stata richiesta quindi la Consulenza neurologica. Nello specifico ho effettuato i potenziali visivi, acustici e somatosensoriali, i quali hanno dato esiti nella norma. Ora la mia domanda è la seguente: se da un punto di vista neurologico non è emersa nessuna patologia, i suddetti focolai potrebbero essere correlati ad altri organi? Il cuore? O al deficit vestibolare? È il caso di indagare data la mia giovane età?