Gent.le dottore, molti anni fa (10-15) ho avuto 2 episodi di Svenimento collegati a caldo, affollamento, verificati al pronto soccorso come abbassamenti di pressione. Nelle scorse estati ho avuto qualche episodio di malessere di questo tipo senza svenimento, ma raro (1 o 2 in tutta l'estate) e sempre realizzatosi in condizioni di particolare caldo... Leggi di più o afa, posti affollati, condizione di stanchezza o diverse ore senza cibo. Questa estate dopo 1 o 2 episodi di questo tipo, fronteggiati con posizione antishock, bibite integratici di sali e semmai un cibo salato da 8 giorni circa soffro più o meno giornalmente di episodi di malessere, più o meno acuti, con tipici sintomi da ipotensione (mancanza di forza, Vertigini, nausea, mani e piedi freddi, pallore..), del tutto indipendenti dalla temperatura (è molto più fresco e non c'è afa), dall’affollamento o dalla distanza o quantità dell'ultimo pasto. Ho approntato vari rimedi: grani di sale sotto la lingua, assunzione di cibo poco e spesso o pasti più abbondanti, posizione antishock e bibite integratori ma i rimedi non sortiscono sempre lo stesso effetto (a volte funzionano a volte no) oppure non escludono un nuovo episodio dopo un tot di ore. In questi ultimi episodi non ho avuto l'opportunità di fare la misurazione della pressione perché non avevo lo strumento e non potevo raggiungere un medico o un ospedale, ma ho deciso di comperare un misuratore automatico per poter verificare la pressione tempestivamente. Ultimo dato, ho sofferto di gastrite ed ogni tanto ne soffro sempre leggermente in caso di assunzione di farmaci un pò aggressivi o di particolare stress. Poiché a volte sento bruciore prima o durante gli episodi di malessere, a volte Nausea e bruciore si confondono e assumere cibo mi da sollievo, ci potrebbe essere un collegamento tra questi episodi e la gastrite? Quali possono essere le cause oltre l'ipotensione? Potrebbe mancarmi una particolare sostanza (per es. ferro) che non riesco a reintegrare? Che esami devo fare? e soprattutto, poiché questa situazione mi provoca tensione e paura a fare qualunque cosa o uscire sola (per timore di sentirmi male e svenire) che terapia preventiva posso utilizzare in modo che non si verifichino episodi di questo tipo e quindi possa riprendere ad essere serena nello svolgimento delle normali incombenze quotidiane?