gent.mo dott., ho 42 anni, ansiosa, tanto che il mio medico di base riconduce tutti i vari sintomi all'ansia (in cura per 1 anno con Entact e Xanax, attualmente quest'ultimo al bisogno). Da qualche giorno avverto con una frequenza quasi quotidiana la sensazione che il cuore perda i colpi (extrasistole ?). In particolare, ieri pomeriggio, dopo una mezz'oretta di cyclette (nella quale ho avvertito pressione alla zona destra del petto) accompagnata da esercizi di respirazione, smettendo piano piano ho avvertito chiaro sintomo di spossatezza agli arti inferiori, fiato corto, leggeri capogiri, instabilità motoria, senso di svenimento da richiedere di stare seduta. E' durato il tutto per circa un'oretta in cui ho preso 15 g. ansiolitico e un po' di zucchero. Aggiungo che ho uno stile di vita sedentario, pratico yoga (ma non regolarmente, come nemmeno regolarmente faccio cyclette), non fumo, non bevo. Col caldo intenso avverto qsti sintomi anche senza intenso movimento. Durante il ciclo avverto spesso stanchezza al mattino, tale da inibirmi di alzarmi subito. Aggiungo che ho fatto due anni fa esami cardiologici, tutto ok., come di recente esami tiroide ed in genere esami del sangue tutto ok. Sarà la pressione bassa ? Una sospetta ernia iatale o problemi vascolari? Grazie anticipatamente e cordiali saluti