Gentile dottore, vorrei sottoporle questo quesito che personalmente mi riguarda: casualmente, in occasione di una misurazione della pressione arteriosa, ho scoperto di averla sopra la norma, a volte anche 160/90.Ho eseguito un holter pressorio, con le seguente conclusioni: "profilo pressorio caratterizzato da valori medisistolici superiori alla norma. Ritmo circadiano conservato" ed un test ergometrico "(negativo per ridotta riserva coronarica), valori di PA moderatamente elevati da lavoro muscolare". Il cardiologo, dopo avermi visitato ed eseguito un ecg ( RS freq. 84. Nella norma), mi ha diagnosticato una "ipertensione arteriosa borderline", dicendomi che si potrebbe anche ritardare l'inizio di una terapia farmacologica, sebbene la mia pressione sia indirizzata verso "l'alto", quindi tanto valeva iniziarla subito con l'assunzione di 1/2 cp. di Bifril 30. Gentile dottore, è necessario che io inizi ad assumere già la pillola all'età di 46 anni?? Quali sono gli effetti collaterali che detta pillola mi può causare? Quattro mesi fa, avevo iniziato ad assumere "Nebilox 5 mg. (1/2 cp. al dì) ed ho dovuto sospenderla perchè mi provocava astenia.Nell'attesa di una Sua cortese risposta, invio distinti saluti.Cordialità, Angelo.