Gentile professore. a mia sorella è stato asportato nello scorso aprile un astrocitoma della prima circonvoluzione frontale premotoria paramediana destra,purtroppo l'asportazione non è stata totalee pertanto ora sta facendo della radioterapia.Visto che l'Esame istologico diagnosticava una neoplasia gliale mista con prevalenti aspetti oligodendrogliali e orientava per un possibile III grado di malignità, mi chiedo quale sarà l'efficacia di questa Terapia: rallenterà l'evolversi del tumore o potrà addirittura fermarlo?Inoltre come la qualità della sua vita degenererà nel tempo,visto che già ora soffre di crisi epilettiche lievi,giramenti di testa e dolori articolari a tutto il lato sinistro del corpo? Come posso aiutarla a convivere con questa Patologia ?Esistono supporti psicologigi adeguati?Mia sorella è stata operata a VR( Borgo trento),noi risediamo a Bs ,inutile aggiungere che la porterei anche in capo al mondo se solo mi dicesse che mia sorella può guarire.Grazie.