Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

11-10-2006

Gentili dottori, molte grazie x la prec. risp.

Gentili dottori, molte grazie x la prec. risp. (HH/2I55231 ). Da quasi 3 settimane il moroso è ricoverato, ma non è cmnq molto facile capire bene (o abbastanza!) e parlare con i medici, ahimé, forse anche a causa del loro esiguo numero nel reparto infettivi, così torno ad "approfittare" di voi. Eravamo al pronto soccorso per disturbi di equilibrio, temperatura bassissima, pressione bassa, che forse non c'entrano con l'epatite. Inoltre gli hanno trovato un piccolo calcolo al rene dx. Ma torno all'argomento principale: 1) lui ci tiene molto ai suoi capelli e vorrebbe riprendere la cura di propecia (finasteride: 1 mg/dì) perché dice: com'è che mi danno lexotan, forse mi daranno vertiserc ma non posso prendere propecia? A dire il vero, qlcn dice sì, qlcn no. 2) lui non beve. Al massimo beveva qualche birretta al giorno, ma le assicuro dalle 0 alle 4 (ma rarissimamente 4/dì!). Forse è anche perché saltava o quasi spesso i pranzi e le cene erano spesso assai scarse? (ci tiene alla sua linea) 3) è possibile non capire se è epatite B acuta o cronica? Cari saluti. Buon lavoro. R. e S.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Per rispondere adeguatamente alle sue domande è necessario essere a conoscenza di tutti i dati clinici e degli esami di laboratori, del tutto assenti in quello che riporta. E’ possibile stabilire se si tratti di epatite acuta o cronica B dagli esami di laboratorio e dalla storia clinica del paziente, ma soprattutto in base alla tipologia dei marcatori virali (HBsAg, HbeAg, HbeAb, HbcAb-IgG, HBcAb-IgM). I sintomi che riporta non sono in relazione con l’epatite B. Così pure i farmaci che assumeva. Certamente è necessario che sospenda del tutto l’assunzione di alcolici anche nel caso della birra. Il lexotan è un ansiolitico per cui è probabile che i medici abbiano verificato una condizione di eccessiva ansia.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!