Gentilissimi Dottori,sono un ragazzo di 24 anni e da circa due anni soffro di un disturbo di ansia che, seppur con alcune temporanee regressioni, mi tormenta quotidianamente. Sono stato da sempre contrario ad una cura farmacologica, confortato in questa decisione dal mio medico di famiglia. Il problema è cominciato con la morte di mia nonna, venuta... Leggi di più a mancare improvvisamente davanti ai miei occhi per un attacco cardiaco. Non casualmente, a mio avviso, ho da allora iniziato a somatizzare proprio con sintomi legati al cuore il mio malessere. La cosa che maggiormente mi preoccupa, è che questo mio stato di continua agitazione si ripercuote sulla pressione, che registra valori al limite. Da qualche giorno, poi, si mantiene costantemente su valori di 150/90. Questo aumenta ulteriormente la mia preoccupazione, alimentando un circolo vizioso che mi fa stare ancor più in ansia, per nulla giovando così alla mia salute psico-fisica. Come devo comportarmi? Il mio è un caso di ansia o di ipertensione? Ringraziando anticipatamente per la collaborazione e complimentandomi per l'utilità del servizio, Vi prego cordialmente di rispondere il prima possibile. Cari Saluti.